Vicenza, con ‘Move’ il turismo è sostenibile

Pubblicato il 17 marzo 2015 - da
0 0 0 No comments

Alla fiera di Vicenza grande attenzione per rendere accessibili le stazioni sciistiche del Veneto alle persone con disabilità per consentire la pratica dello sci. Presente all’evento anche l’Associazione VILLAGGIO del Cuore che si farà portavoce degli accordi presi

 

IMG_20150313_135611Vicenza, 17 marzo – Il  13 marzo 2015 presso la Fiera di Vicenza si è svolta l’inaugurazione di “Move”, il Salone Professionale del Turismo e dell’Ospitalità Universale. Durante l’inaugurazione dello Stand della Regione Veneto sono intervenuti l’assessore Regionale al Turismo, Marino Finozzi,  il Presidente del  Collegio Regionale dei Maestri di Sci del  Veneto, Roberto Pierobon, il Presidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari del  Veneto, Renzo Minella,  il Presidente dell’Associazione “LO SPIRITO di STELLA” Andrea Stella ed in rappresentanza dell’Associazione “VILLAGGIO del CUORE ONLUS” il Segretario Regionale TRENTINO ALTO ADIGE Saverio SCULLI. I Signori Finozzi, Pierobon, Minella e Stella hanno firmato una dichiarazione di intenti per avviare una Formazione dei Maestri di Sci al fine di  rendere accessibili le stazioni sciistiche del Veneto alle persone con disabilità allo scopo di consentire la pratica dello sci. L’Associazione VILLAGGIO del Cuore è stata resa partecipe dell’evento dichiarativo ed ha preso l’impegno di espandere l’iniziativa. Molto toccante l’intervento della Campionessa Medaglia d’oro di Sci Sofia Righetti  che ha dichiarato, fra l’altro,  “la disabilità è uno svantaggio solo se non c’è un ambiente adatto ad accoglierla. Se questo ambiente viene creato, la disabilità diventa una caratteristica e non più uno svantaggio”. Oltre all’accordo di collaborazione è stata firmata un’importante lettera d’intenti con la Città di New York dove è stato sviluppato un  manuale tecnico sull’accessibilità, sul quale  ha dichiarato Finozzi desidererebbe  che si  formassero i tecnici ed a tale scopo è stato avviato un percorso formativo specifico presso l’Istituto Europeo del Design. In conclusione si può affermare che, dato il numero elevato di visitatori, quello dell’accessibilità per la disabilità è un tema molto sentito a tutti i livelli della società.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *