UNICEF sull’impatto della nuova legge in Ungheria sui bambini

Pubblicato il 11 marzo 2017 - da
0 0 0 No comments

Dichiarazione di Afshan Khan, Direttore regionale UNICEF per l’Europa centrale e orientale e Coordinatore speciale per la crisi di rifugiati e migranti in Europa.

“L’UNICEF è preoccupato dall’adozione in Ungheria di una nuova legge che prevede la detenzione obbligatoria di bambini rifugiati e migranti maggiori di 14 anni. Chiediamo al Presidente di trattare tutti i bambini in primo luogo come bambini, prima di firmare questa nuova legge.

Detenere bambini rifugiati e migranti, che fuggono da violenze e persecuzioni e che cercano una vita migliore, è traumatico. Di fatto, in questo modo si criminalizzano i minorenni e li si priva dei loro diritti, come quello all’istruzione. L’impatto che questo avrà su ogni bambino, a prescindere dall’età, potrebbe durare per tutta la vita.

Confidiamo che l’Ungheria difenda il suo impegno verso la Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza e la sua adesione all’Unione Europea e alle normative internazionali. L’UNICEF è pronto a supportare il governo ungherese in questo impegno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi