UNICEF condanna rapimenti di bambini in Sud Sudan

Pubblicato il 21 febbraio 2015 - da
0 0 0 No comments

Soldati armati hanno circondato la comunità di Wau Shilluk nell’Upper Nile State e cercato casa per casa. I ragazzi sopra i 12 anni sono stati portati via con la forza

 

sudan-512x300Roma, 21 febbraio  – L’UNICEF condanna con la massima fermezza il rapimento di decine di ragazzi, alcuni anche di 13 anni , da un gruppo armato nei pressi di Malakal, nel nord del Sud Sudan. Un team  UNICEF nato nel programma di istruzione  ha riferito che 89 bambini sono stati rapiti mentre stavano facendo i loro esami. Il numero effettivo potrebbe essere molto più alto. L’incidente è avvenuto nella comunità di Wau Shilluk nell’Upper Nile State, dove migliaia di persone sono state sfollate a causa del conflitto in corso. Secondo i testimoni, i soldati armati hanno circondato la comunità e cercato casa per casa. I ragazzi sopra i 12 anni sono stati portati via con la forza. Il Rappresentante UNICEF in Sud Sudan​, Jonathan Veitch, ha esortato il gruppo a rilasciare immediatamente i bambini. “Il reclutamento e l’impiego di bambini da parte di forze armate distrugge le famiglie e le comunità. I bambini sono esposti a livelli incomprensibili di violenza, perdono le loro famiglie e la loro possibilità di andare a scuola”. L’UNICEF ricorda a tutte le parti coinvolte nel conflitto che il reclutamento e l’impiego di bambini in gruppi o forze armate rappresenta una grave violazione del diritto internazionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *