Un’estate al sole delle Dolomiti: a Cortina riaprono gli impianti‏

Pubblicato il 26 giugno 2016 - da
0 0 0 No comments

[AdSense-A]

Al via l’estate in alta quota di Cortina per chi ama le avventure a piedi, sui sentieri, sulle vie ferrate e in mountain bike. Aprono gli impianti che permettono di raggiungere facilmente alcuni tra i luoghi più suggestivi delle Dolomiti. Per accedervi, a disposizione anche bike e hiking pass e la Supersummer Card.

Senza-titolo-8

Trail running, hiking, biking, escursioni, vie ferrate, itinerari di ogni tipologia e difficoltà, rilassanti passeggiate sui prati d’alta quota: inizia ufficialmente l’estate di Cortina con l’apertura degli impianti di risalita, alcuni dei quali operativi già da fine maggio, che permettono di raggiungere località mozzafiato nel cuore delle Dolomiti, Patrimonio UNESCO. Operativi nell’area Falzarego la Seggiovia 5 Torri e la Funivia Falzarego-Lagazuoi, mentre la seggiovia Fedare-Forcella Nuvolau aprirà il 9 luglio: questi impianti conducono all’area attraversata dalla suggestiva Alta Via delle Dolomiti, apprezzata e conosciuta anche dagli appassionati di arrampicata per le 5 Torri, palestra di roccia con ben 108 vie tracciate. Chi si avventura sui tanti percorsi da trekking e trail running non dimentichi la macchina fotografica, per immortalare la famosa enrosadira, le rocce che si tingono al tramonto di sfumature aranciate. Meritano una sosta i rifugi, dove assaporare, in terrazza, i piatti tipici del territorio. Sono aperti anche gli impianti dell’area Faloria-Cristallo-Mietres (solo la seggiovia Guargnè/Col Tondo aprirà il 30 luglio) per traghettare gli appassionati nei luoghi di partenza dei sentieri di montagna. Tra le proposte dell’area, da non perdere la spettacolare via ferrata Sci Club 18, per esperti scalatori, e l’escursione al lago del Sorapis, dalle acque smeraldine. Per chi è in cerca di in luogo incantato per passeggiate rilassanti, l’area di Mietres, con ampi prati e boschi. Operativi anche gli impianti dell’area Tofana: le funivie Col Drusciè – Ra Valles – Cima Tofana hanno riaperto il 23 giugno, mentre la tratta in seggiovia Rumerlo (Pié Tofana)-Duca d’Aosta-Pomedes riparte domani 25 giugno. Da provare, in quest’area, oltre alle famose vie ferrate Punta Anna e Lipella, la ferrata “de ra Bujela”, in Tofana, un’ora e mezza di emozioni, e la sua variante Tofana di Mezzo, da percorrere 365 giorni all’anno, oppure il Sentiero dei Camosci, dal rifugio Duca d’Aosta a Piè Tofana. Gli amanti della velocità su due ruote possono divertirsi alBike Park Cortina, il primo parco downhill ufficiale della provincia di Belluno, immerso nello scenario del Col Drusciè, ai piedi delle Tofane. Presso la partenza della funivia Tofana-Freccia nel Cielo e nei numerosi negozi sportivi specializzati del centro è possibile noleggiare tutta l’attrezzatura downhill e freeride, per poi salire a Col Drusciè (1.768 metri) e scegliere tra quattro fantastici trail attrezzati con trampolini per i salti e passaggi tecnici nel bosco. In alternativa, si può scendere da Col Drusciè a Pié Tofana, passando vicino al lago a forma di cuore e alle bellissime cascate di Fanes, raggiungibili con una breve ferrata per poi ritornare, sempre in bici, a Cortina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *