Siria: Iacomini (Portavoce Unice Italia) 4 bambini uccisi al confine

Pubblicato il 20 giugno 2016 - da
0 0 0 No comments

Iacomini:”Un gesto criminale come costringere alla fuga. Basta. Atto insopportabile”

Senza-titolo-22

“4 bambini innocenti uccisi dall’esercito mentre tentavano di entrare in Turchia, in fuga da una guerra che dura da 5 anni, senza soluzione, basta così. E’ un atto che, se confermato, non ha precedenti, insopportabile”. Lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell’UNICEF Italia. “Proprio alla vigilia della Giornata Mondiale del Rifugiato siamo costretti ad assistere all’ennesima oscenita’. Chiunque spara a dei bambini che tentano di fuggire dal terrore è un criminale, come criminale è anche chi li costringe alla fuga dal loro Paese. Il mondo continua a tacere, l’Europa alza muri, la pace in Siria è lontana e nel frattempo le persone costrette a fuggire da questo paese sono 5,5 milioni, la cui metà sono proprio bambini che scappano da una guerra che non hanno certo voluto e che distrugge tutto, scuole, case, ospedali. Non si può rispondere con le armi alla disperazione” prosegue. “In attesa di maggiori informazioni voglio ricordare che in Siria ci sono ancora 20 città sotto assedio e che proprio settimane fa tanto le organizzazioni umanitare quanto Staffan de Mistura avevano ammonito la comunità internazionale che l’esodo di siriani in fuga da Aleppo e altre città verso la Turchia avrebbe portato ad una nuova ondata migratoria, circa 400 mila persone, che avrebbero tentato di entrare all’interno del Paese che già ospita non senza problemi 2,5 milioni di siriani, più della metà dei quali sono come sempre bambini.In questi anni il popolo siriano ha subito di tutto in patria e fuori, ora vede anche morire i suoi figli innocenti in fuga dopo mesi di violenze, stragi, morti in mare. Quando finirà questo calvario? L’UE mi auguro chieda spiegazioni urgenti, è un grave precedente che terrorizza e non fa ben sperare per il futuro, la tensione è troppo alta. Chi aspira ad entrare in Europa non può macchiarsi di episodi del genere, va ribadito con forza in tutte le sedi” conclude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi