Sanità: Ocse, disuguaglianze regionali destano preoccupazione

Pubblicato il 10 novembre 2017 - da
0 0 0 No comments

Pubblicato il “Rapporto Panorama Salute 2017”

“Le disuguaglianze regionali destano ancora grande preoccupazione”. Lo riferisce l’Ocse nel rapporto Panorama Salute 2017, che riconosce anche i problemi di bilancio dovuti a tagli e vincoli che hanno caratterizzato questi ultimi anni di crisi economica. E anche in un contesto internazionale di questo tipo l’Italia – evidenzia sempre l’Ocse – ha realizzato una riforma per ampliare i benefici dell’offerta sanitaria.

Resta comunque la “preoccupazione rispetto alla capacità delle singole regioni di assicurare la fornitura dei servizi ampliati” e nel contempo si evidenzia un “ampliamento delle disparità”.

“Malgrado la copertura universale – evidenzia l’Ocse – le regioni meridionali sono storicamente meno in grado di fornire l’assistenza adeguata come definita a livello nazionale”.
Il totale della spesa sanitaria è al di sotto della media Ocse: in Italia si spendono 3.400 dollari all’anno a persona (dato riferito al 2016) rispetto ai 4.000 della media Ocse. Quindi si suggerisce di “mantenere una forte attenzione all’efficienza dei nostri servizi sanitari in un contesto in cui le risorse sono scarse”.
Tra l’altro il tasso di penetrazione dei farmaci generici nel nostro Paese è del 19%, rispetto al 52% della media Ocse. Per quanto riguarda invece i vaccini riscontrata la tendenza alla riduzione della copertura vaccinale nei bambini e in particolare per il morbillo.
Tra i fattori di rischio per la salute abbiamo percentuali inferiori alle media Ocse per quanto riguarda il consumo di alcool (7,6 litri all’anno con i 9 della media dei paesi Ocse) e la popolazione obesa (il 9,8% in Italia contro il 19,4% della media Ocse). Situazione critica per quanto riguarda il tabagismo: in Italia fuma il 20% della popolazione (contro il 18,4% delle media Ocse). Allarme invece per quanto riguarda l’esposizione media annuale alle polveri sottili che nel nostro Paese è di 19,9 mg/m3 (il livello medio dei paesi Ocse è 15,1).

Infine l’Italia è al “quarto posto” dei Paesi Ocse per aspettativa di vita, con 82,6 anni nel 2015, ma questo significa anche di avere il “secondo più alto tasso di demenza”: al 2,3% della popolazione nel 2017 e dovrebbe raggiungere il 3,4% entro il 2037.

 

(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi