L’Istria festeggia l’asparago

Pubblicato il 20 febbraio 2015 - da
0 0 0 No comments

Dal 23 marzo al 15 maggio 2015: le Giornate dell’asparago istriano. A Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie ritorna l’appuntamento gastronomico primaverile per eccellenza. La Sparisada: 10-12 aprile 2015 a Castelvenere, 2 maggio 2015 a Cittanova.

di Ram

 

Asparagi - Umago Cittanova Verteneglio BuiePadova, 20 febbraio – Non c’è famiglia in Istria che con l’arrivo della primavera non si diletti ad “andar per asparagi”. Una passeggiata nel bosco, grande pazienza e occhi ben aperti per scorgere i primi verdi germogli. L’asparago selvatico è parte integrante della cultura, non solo culinaria, dell’Istria ecco perché tra fine marzo e metà maggio si moltiplicano gli eventi e le manifestazioni dedicate proprio al prezioso ortaggio. Dal 23 marzo al 15 maggio 2015 ristoranti e trattorie di Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie accolgono gli ospiti con prelibatezze a base di asparagi, nella tipica atmosfera di cordialità che contraddistingue questi luoghi. Sono le Giornate dell’asparago istriano, giunte quest’anno alla nona edizione. Un’ottima occasione per i veri appassionati di cucina per gustare piatti a base di asparago selvatico: dai grandi classici della tradizione istriana come frittate, zuppe, pasta fatta in casa e risotti, alle originali combinazioni che vedono gli asparagi preparati con carne e pesce o addirittura come squisiti dessert. Il gusto leggermente amarognolo che contraddistingue l’asparago selvatico, il suo sapore intenso, abbinato alla freschezza dei prodotti tipici dell’Istria, sapranno entusiasmare anche i palati più fini.Il modo più popolare di preparare gli asparagi selvatici è sicuramente nella frittata con uova fresche. Si spezzano i gambi con le mani a piccoli pezzi, si lavano e si cuociono in olio per ammorbidirli, quindi si aggiungono le uova sbattute già salate, si cuoce ancora per qualche minuto e la frittata è pronta! Altra manifestazione dedicata all’asparago è la Sparisada che si tiene in weekend 10-12 aprile 2015 a Castelvenere, vicino a Buie. L’asparago è diventato il simbolo di Castelvenere, tanto che ogni anno si organizzano in suo onore ricchi programmi culturali e d’intrattenimento, enogastronomi ci e sportivi, che attirano sempre più visitatori locali e turisti, sportivi e buongustai, famiglie con i bambini, perché l’abilità di raccogliere gli asparagi s’impara fin dalla più tenera età. Anche quest’anno si potrà sfidare la fortuna alla ricerca dell’asparago più lungo, quello vincente. Gli amanti della natura potranno partecipare alle escursioni ciclistiche e alle camminate, mentre i buongustai saranno particolarmente entusiasti di assaggiare le più varie pietanze preparate con questo sano prodotto selvatico. L’asparago, oltre ad essere un alimento molto equilibrato dal punto di vista nutritivo, è ricco di minerali e vitamine ed è noto per la sua azione purificante e diuretica. Sano spirito competitivo sarà assicurato ai partecipanti al concorso gastronomico “Asparago Cup”, durante il quale verrà scelto il piatto a base di asparagi meglio preparato. Il tutto condito da buona musica! Il 2 maggio 2015 è la volta di Cittanova che festeggia l’asparago con la sua Sparisada all’interno del Gnam Gnam Fest. Per i visitatori la Laguna Novigrad, socio gastronomico della manifestazione, preparerà cibi deliziosi e fantasiosi a base di asparagi selvatici, tutti a prezzi vantaggiosi. Ci sarà anche la possibilità di assaporare e degustare vini di alta qualità, olio d’oliva, formaggio, prosciutto e salumi, pasta, miele e vari prodotti tipici della regione. Un’imponente tavola di 100 metri, posizionata lungo la piazza principale della città, la Piazza Grande, accoglierà la ricca offerta enogastronomica. Inoltre vendita di manufatti, prodotti originali fatti a mano, laboratorio di pittura per bambini curato dall’associazione Agata e angolo d’intrattenimento per bambini con artisti di strada e animatori, musica e balli folcloristici. Coste chilometriche e spiagge accarezzate da un mare cristallino, villaggi di pescatori che colorano l’entroterra e affascinanti borghi ricchi di cultura e storia. Siamo in Istria, nella parte nord occidentale, quella più vicina al confine italiano, dove sorgono 4 perle dell’Adriatico: Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie. Un territorio ricco di meraviglie naturali, una tradizione culinaria che gode dei prodotti locali, strutture di lusso e comfort con centri benessere all’avanguardia: tutto questo assicura una vacanza all’insegna di cultura, wellness e buona cucina. Un ventaglio di colori, profumi e sapori!

Info: Comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie www.coloursofistria.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *