Lidu, Italia in sovraffollamento carcerario a quattro anni dalla sentenza Torreggiani

Pubblicato il 6 marzo 2017 - da
0 0 0 No comments

Il Centro Studi della Commissione DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTÀ della LIDU (Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo), presieduta da Domenico Alessandro De Rossi, fa il punto  sul sovraffollamento carcerario: 55.929 persone ristrette in 45.268 posti detentivi che determinano un affollamento del 123%.

“Sovraffollamento carceri in continua crescita, a febbraio raggiunte le 56mila presenze con 548 detenuti in più rispetto alle presenze dello scorso gennaio: diciotto Regioni ospitano più detenuti di quanti ne possano contenere. Se continua con questo trend, a fine 2017 arriveremo a 62mila presenze. Per la prima volta in Italia vi possiamo mostrare i dati reali del sovraffollamento”.

 Ad affermarlo è il Centro Studi della Commissione DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTÀ della LIDU (Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo) che aggiunge: “I dati diffusi dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria aggiornati al 28 febbraio indicano in 55.929 il totale delle presenze, i posti disponibili però non sono i 50.177 dichiarati, ma quasi cinquemila in meno, il che determina un indice di sovraffollamento reale del 123%, ben al di sopra dei calcoli del Ministro Orlando che diffonde un più ottimistico 111%. Si tratta di uno studio approfondito in collaborazione con il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE e l’Associazione Pianeta Carcere, che da tempo monitorano la situazione delle carceri italiane e diffondono dati e numeri sulla realtà detentiva.”

 Il Centro Studi della Commissione LIDU afferma: “La differenza tra i due indici di sovraffollamento, quelli calcolati dalla LIDU e quelli diffusi dal Ministero della Giustizia su fonte DAP è dovuta dai posti non utilizzabili nelle carceri. Sono 4.909 i posti non disponibili nelle carceri. Vanno sottratti ai 50.177 pubblicati dal Ministero; posti detentivi in ristrutturazione, in riparazione oppure non agibili da anni che però il DAP continua a presentare nei suoi report statistici mensili. Quindi abbiamo 55.929 persone ristrette in 45.268 posti detentivi che determinano un affollamento del 123%”.

 La regione più affollata è la Puglia con 3.286 detenuti per 2.183 posti realmente disponibili (affollamento del 151%). Segue la Lombardia: 8.037 detenuti presenti per 5.643 posti realmente disponibili (143% di affollamento). Terzo nella classifica il Molise: 343 detenuti per 252 posti realmente disponibili. Quarto il Friuli Venezia Giulia: 604 detenuti per 458 posti (132% di affollamento). Quinta la Liguria con 1.437 detenuti per 1103 posti 130% di affollamento.

 A seguire tutte le altre Regioni ,  tutte in sovraffollamento tranne la Sardegna, 2.226 detenuti per 2.230 posti realmente disponibili (100% di affollamento) e il Trentino Alto Adige, 477 detenuti per 500 posti (95% di affollamento).

 “Questi sono i dati reali, non quelli diffusi dal DAP. Possiamo affermarlo – prosegue il comunicato del Centro Studi – dopo un accurato lavoro che ci ha permesso di incrociare i dati statistici con altri dati pubblicati sul sito giustizia.it in un’area poco visibile e in cui sono riportati i posti non disponibili per ogni istituto penitenziario italiano. La collaborazione con il SAPPE è stata fondamentale. Ci ha permesso di aggiornare i dati istituto per istituto e di leggere anche oltre i numeri, ossia di chiarire le differenze sostanziali tra capienza regolamentare, quella effettiva ed i reali posti detentivi. Con queste informazioni, mai rese pubbliche dal DAP, tutti potranno finalmente iniziare a rendersi conto dei dati reali del sovraffollamento delle carceri”.

“Nei prossimi giorni – conclude il Presidente – forniremo anche i dati dettagliati di ogni carcere. Conoscere la situazione reale è il primo passo per chiunque voglia davvero iniziare a risolvere i problemi delle carceri e ci auguriamo che anche il DAP e il Ministero della Giustizia inizino a rendere pubbliche quante più informazioni possibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi