LA SPAGNA STABILISCE UN NUOVO RECORD DI TURISTI. DIMINUZIONE SOLO IN CATALOGNA.

Pubblicato il 6 gennaio 2018 - da
0 0 0 No comments

Continua a crescere il numero di turisti che visitano la Spagna. A novembre la presenze turistiche hanno superato quelle del 2016, registrando un nuovo record. In Catalogna la tendenza è opposta: nei mesi di ottobre e novembre 2017 la regione ha perso oltre 90mila visitatori.

di Rossella Langone

L’Istituto Nazionale di Statistica (INE) ha registrato un aumento degli arrivi turistici nel mese di novembre 2017 pari al 7,4%, per un totale di 4,4milioni di persone e nei primi undici mesi dell’anno il totale ha già raggiunto 77,8milioni di turisti. Si tratta di un incremento considerevole, pari al 9,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2016, dove nell’intero anno i visitatori stranieri in Spagna sono stati 75,3milioni.  Per il 2017, secondo i calcoli, dovrebbero superare gli 80milioni, un vero record mondiale, che posiziona la Spagna al primo posto delle destinazioni turistiche, superando Francia e Stati Uniti.

In Catalogna i dati sono in controtendenza a quelli dell’intero territorio nazionale. Nei mesi di ottobre e novembre gli arrivi turistici stranieri sono diminuiti rispettivamente del 4,7% e del 2,3%. La regione però ha comunque rappresentato il 22,4% del mercato nazionale e si è confermata a novembre come seconda destinazione turistica interna, dopo le Canarie che hanno raggiunto il 28,2%.  Da gennaio a novembre inoltre, la Catalogna mantiene il primato di meta turistica spagnola, con 18,2milioni di visitatori ed un incremento del 6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Escludendo la Catalogna, il mercato turistico spagnolo nel mese di novembre ha raggiunto un aumento del 10,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il calo dei turisti in Catalogna è stato posto in relazione alla ‘instabilità politica’ provocata dal processo indipendentista dalla Segretaria di Stato al Turismo Matilde Asian. Questa flessione però è stata compensata dalle prenotazioni già consolidate e dall’aumento della domanda nelle destinazioni turistiche tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi