La condanna di Unicef su uccisioni in Yemen a Sana’a

Pubblicato il 22 marzo 2015 - da
0 0 0 No comments

“L’UNICEF rinnova il suo appello a tutte le parti coinvolte nel conflitto ad evitare di  prendere di mira scuole, ospedali e moschee, di fermare l’uso e il reclutamento di bambini e di garantire che i bambini siano protetti in ogni momento”

CTxgJRqK_400x400Roma 22 marzo – “L’UNICEF condanna fermamente gli attacchi di ieri alle moschee di Sana’a in cui almeno 13 bambini sono stati uccisi e 19 sono rimasti feriti. Gli attentati hanno provocato la morte di almeno 137 persone e il ferimento di oltre 300. “L’UNICEF è molto preoccupato per il crescente numero di gravi violazioni dei diritti dei bambini nel conflitto in corso. Le tendenze per il 2014 indicano un aumento del 40% dei casi di bambini uccisi o mutilati, un aumento del 47% nel reclutamento di bambini di età inferiore a 18 anni  e un aumento del 100% di attacchi contro scuole e ospedali. “L’UNICEF rinnova il suo appello a tutte le parti coinvolte nel conflitto ad evitare di  prendere di mira aree come scuole, ospedali e moschee, di fermare l’uso e il reclutamento di bambini e di garantire che i bambini siano protetti in ogni momento nel rispetto dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *