La bio diversità delle Dolomiti in un click

Pubblicato il 6 giugno 2015 - da
0 0 0 No comments

Fotografare le Dolomiti… e innamorarsene. Queste le premesse del workshop organizzato nel cuore delle Dolomiti Ampezzane il 18 e il 19 luglio. In compagnia di fotografi professionisti e naturalisti per comprendere, cogliere e condividere gli aspetti più unici della biodiversità del territorio. Un evento organizzato da Pixcube.it, in collaborazione con la Fondazione Dolomiti UNESCO.

dolomiti_bioCortina d’Ampezzo, 6 giugno – Cogliere il primo raggio di sole del mattino, assistere al caleidoscopico gioco di colori delle Dolomiti che a seconda dell’ora del giorno e delle condizioni meteo cambiano aspetto attingendo a una tavolozza di colori naturali quasi infinita. Per essere protagonisti di questo piccolo “miracolo” naturale basta partecipare al workshop fotografico che si terrà nel cuore del Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, il 18 e il 19 luglio. Emozioni visive ed esperienze uniche attendono i partecipanti al corso organizzato da Pixcube.it, in collaborazione con il Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo, Federparchi e Nikon for park. Un’iniziativa che si inserisce nel progetto Fotografare le Dolomiti, promosso da Pixcube.it con la Fondazione Dolomiti UNESCO. Il workshop propone una due giorni alla scoperta delle tecniche necessarie per riuscire a fotografare, documentare e rendere in immagini la biodiversità delle Dolomiti. Un’occasione unica e originale di conoscere, proteggere e promuovere il territorio. E allo stesso tempo diventare abili documentatori della bellezza. In compagnia di esperti della fotografia con naturalisti al seguito, si effettuerà il periplo delle 5 Torri, il sentiero CAI 412 di Sotecòrdes fino alla Forcella Col del Bos e alla Val Travenanzes, all’interno del Parco Naturale delle Dolomiti Ampezzane. Le Dolomiti, Patrimonio naturale dell’Umanità UNESCO, offrono all’obbiettivo fotografico visione e vedute uniche al mondo. Queste rocce inoltre custodiscono un valore intrinseco di importanza internazionale per le scienze della Terra: basti pensare all’elevata concentrazione di formazioni carbonatiche o ancora alla loro geologia che fornisce uno spaccato della vita marina nel periodo Triassico. I paesaggi sublimi, monumentali e carichi di colorazioni delle Dolomiti sono fonte di innumerevoli interpretazioni scientifiche ed artistiche dei loro valori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *