Gioco d’azzardo: numero verde nazionale 800558822

Pubblicato il 4 ottobre 2017 - da
0 0 0 No comments

Dal 2 ottobre è attivo il numero verde nazionale 800558822 per i problemi legati al gioco d’azzardo. Lo rende noto l’Istituto Superiore di Sanità insieme all’Agenzia Dogane e Monopoli.

Il numero 800558822 coprirà tutta l’Italia e sarà attivo in via sperimentale fino al 31 marzo 2018. Servirà quindi a dare sostegno dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 16.00 alle persone in difficoltà con il gioco d’azzardo.
L’iniziativa rientra nel piano di ricerca, formazione e informazione, dell’Agenzia Dogane e Monopoli e affidato nella sua realizzazione al Centro Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità. Nel 2018 si avranno i risultati della ricerca.
Ricerca, formazione e informazione, sono alla base di questo servizio per conoscere meglio e fronteggiare le problematiche connesse e soprattutto per le ricadute sulla salute.
Il numero Verde Nazionale viene attivato, infatti, con l’obiettivo di “informare la popolazione sui servizi sanitari a disposizione a livello territoriale; ne usufruiranno anche gli operatori del settore del gioco che troveranno un sostegno tecnico adeguato per affrontare particolari situazioni”.
Gli stessi operatori socio-sanitari potranno “utilizzare questo servizio come strumento di visibilità del proprio lavoro, grazie anche all’aggiornamento continuo delle informazioni sulle prestazioni fornite e le attività svolte nella piattaforma a loro dedicata”.
Per la prima volta le “Amministrazioni dello Stato si occupano di queste problematiche in una logica unitaria, condividendo strategie nella prospettiva della prevenzione e della tutela della salute dei cittadini. Si tratta infatti di un progetto congiunto di Adm e Iss che mira ad ampliare le conoscenze sul gioco d’azzardo in Italia, in particolare sul versante della dimensione dei rischi per la salute dei cittadini, nonché delle modalità – formazione e informazione – per contenerli e controllarli”.
Il piano di ricerca prevede la realizzazione di due studi: l’uno dedicato alla popolazione adulta (anni 18 e più) e l’altro alla popolazione minorenne compresa tra i 14 e i 17 anni.
L’indagine nei maggiorenni sta interessando un campione di 12.000 cittadini rappresentativo della popolazione residente su tutto il territorio nazionale in 218 comuni italiani ed è stata avviata a luglio 2017.
L’indagine sui minorenni coinvolgerà, invece, 200 scuole superiori di secondo grado a livello nazionale, con la somministrazione di un questionario on-line a un campione di 15.000 studenti.
La pubblicazione dei risultati di queste ricerche è prevista per il mese di marzo 2018.
fonte : regioni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi