Egitto, massima allerta a Sharm e canale di Suez. Al Cairo 50 morti in scontri di piazza

Pubblicato il 7 ottobre 2013 - da
0 0 0 No comments

sinaiok-kLeC-U1020688728199ufB-330x185@LaStampa.itNumerose le vittime ed i feriti durante gli scontri di ieri tra manifestanti pro Morsi e polizia nella capitale. Stamane in Sinai è esplosa autobomba

Roma, 7 ottobre – In Egitto situazione incandescente, sale la tensione e nelle ultime 24 ore si sta verificando una escalation di episodi violenti che individua come aree di massima allerta il Sinai e il Canale di Suez. Nella giornata di ieri gli scontri di piazza tra i manifestanti pro Morsi e la polizia hanno causato più di 50 morti e 268 feriti. Nella notte, terzo attacco ai danni di postazioni del governo,  una installazione per comunicazioni satellitare al Cairo è stata colpita da razzi Rpg causando il ferimento di  due persone ed il danneggiamento di una parabola per le comunicazioni telefoniche internazionali. Stamane un autobomba è esplosa in Sinai nella sede della sicurezza centrale nella città di Al Tour, provocando 2 morti e 25 feriti tra i poliziotti. Nel Paese ieri si festeggiavano i 40 anni della Guerra d’Ottobre del 1973, conosciuta come Yom Kippur in Israele, un conflitto vissuto come una vittoria in Egitto perchè le truppe dell’allora presidente Sadat riuscirono a prendere di sorpresa nella loro avanzata quelle israliane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi