Banche venete: “La tutela dei risparmiatori prima di tutto”

Pubblicato il 27 giugno 2017 - da
0 0 0 No comments

È stata avviata la liquidazione coatta di Veneto Banca e di Banca Popolare di Vicenza e la cessione delle parti “buone” ad Intesa San Paolo.

Finalmente una svolta, arrivata come ha spiegato anche Bankitalia, a seguito delle decisioni delle Autorità europee e in conformità con il Decreto Legge del 25 giungo 2017. “Ci auguriamo sia vero quanto dichiarato da Banca d’Italia che assicura la tutela di tutti i risparmiatori. Se questa soluzione della crisi della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca porterà realmente a questo risultato non potremo fare altro che ritenerci soddisfatti, ma se anche un solo utente dovesse pagare di tasca propria gli errori di altri allora ci faremo sentire”. “Abbiamo appreso della clausola risolutiva che prevede l’inefficacia del contratto qualora il decreto non fosse convertito in legge o comunque fosse convertito con modifiche, per questo. Facciamo un appello affinché non venga perso ulteriore tempo, non possiamo permetterci di far saltare un accordo così importante per i consumatori” conclude il presidente Nesci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *