Anche la Lidu onlus nell’aula di Montecitorio gremita di donne per dire basta alla violenza di genere

Pubblicato il 25 novembre 2017 - da
0 0 0 No comments

All’incontro #InQuantoDonna organizzato dalla presidente della Camera Laura Boldrini oltre 1400 le donne presenti, tra loro Maricia Bagnato, presidente commissione ‘Donne e pari dignità’ della Lega Italiana Diritti dell’Uomo ( LIDU onlus)

‘Un evento coraggioso e di grande impatto emotivo quello voluto oggi per celebrare la giornata internazionale contro la violenza alle donne, indetta dall’Onu nel 1999. Eravamo in tante e tra noi moltissime vittime di stupro, violenza domestica e stalking, come anche le madri delle vittime, che oggi si ritrovano a lottare perché non accada mai più che una figlia venga stuprata, malmenata o addirittura uccisa’ lo riferisce Maricia Bagnato, presidente commissione ‘Donne e pari dignità’ della Lega Italiana Diritti dell’Uomo ( LIDU onlus), al termine dell’incontro #InQuantoDonna organizzato dalla presidente della Camera Laura Boldrini, che ha visto l’aula di Montecitorio gremita da oltre 1400 donne impegnate nella lotta contro la violenza di genere

“E’ il momento di non stare più zitte, per paura, per vergogna o sperando che tutto si aggiusti. – ha esordito nel suo discorso Laura Boldrini – Si sta zitte per quieto vivere ma quando c’è di mezzo la violenza nulla si rimette a posto e il silenzio non è un rifugio, il silenzio divide. E’ la parola invece a unire, il silenzio isola, la parola aggrega, il silenzio uccide, è la parola a salvare. Perciò oggi voglio dare la parola a voi che il silenzio l’avete rifiutato, che avete deciso di parlare, di riprendervi la vostra libertà”.

“Di fronte a 114 femminicidi nel corso dei primi 10 mesi del 2017 è arrivato ora più che mai il momento di dire basta! – spiega Maricia Bagnato – basta alla violenza di genere. Rivolgiamo questo appello soprattutto agli uomini, perché questa violenza scaturisce da un difetto culturale. Lo scarso rispetto che si ha della dignità femminile corrisponde alla violazione di un diritto umano imprescindibile. Essere donna è un valore per la società e ogni donna va onorata per il grande lavoro che svolge in ogni ambito sociale. Bisogna ripartire dal ‘basso’ , dall’educazione a scuola ed in famiglia. La commissione da me fondata all’interno della Lidu onlus ha proprio questo compito: rieducare l’opinione pubblica, i giovani ma anche i più anziani al rispetto ed al valore dell’essere donna”.

Ecco perché anche la Lidu onlus con il coordinamento di Maricia Bagnato, si renderà partecipe di progetti futuri che si svilupperanno a partire dagli ambienti scolastici, con l’obiettivo di ricollocare la figura femminile nell’ambito già tracciato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 1948, concepita in difesa e rispetto di tutti gli esseri umani senza alcuna distinzione di genere. “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza” ( art 1 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ) .

All’incontro sono intervenute

Serafina Strano Dottoressa della Guardia medica di Trecastagni (CT) vittima di stupro durante il turno di notte della guardia medica

Antonella Veltri Vicepresidente Rete D.i.Re Donne in Rete contro la violenza

Grazia Biondi Vittima di violenza e Presidente dell’Associazione Manden

Maria Monteleone Procuratrice aggiunta e capo del pool antiviolenza della Procura di Roma

Touria Tchiche Vittima di maltrattamenti e violenza

Rosaria Maida Dirigente IV Sezione della Squadra Mobile di Palermo

Concetta Raccuia Mamma di Sara Di Pietrantonio vittima di femminicidio uccisa il 29 maggio 2016 Linda Laura Sabbadini Statistica sociale

Emanuela De Vito Sopravvissuta a tentato femminicidio

Antonella Penati Vittima di figlicidio Presidente dell’Associazione Federico nel cuore

Maria Gabriella Carnieri Moscatelli Presidente Telefono Rosa

Blessing Okoedion Vittima di tratta

Alice Masala Vittima di cyberbullismo

Luisa Betti Giornalista

Maria Teresa Giglio Mamma di Tiziana Cantone morta suicida il 13 settembre 2016

Nicoletta Malesa Centro Ascolto uomini maltrattanti

Serena Dandini Scrittrice e autrice teatrale e televisiva

Maria Elena Boschi Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Leggi informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi