6 fattori che possono aumentare il rischio di malattia di Alzheimer

Pubblicato il 29 dicembre 2017 - da
0 0 0 No comments

Tra i fattori di rischio a contrarre la malattia di Alzheimer alcuni sono sotto il nostro controllo

Il morbo di Alzheimer colpisce circa 5 milioni di  persone in Usa, un numero che dovrebbe aumentare fino a 13,8 milioni entro il 2050.

Nella sua forma più leggera, la condizione neurodegenerativa è caratterizzata da sintomi che includono i vuoti di memoria, la perdita, la ripetizione di domande e la mancata collocazione delle cose – comportamenti che generalmente diventano più severi nel tempo.

C’è ancora molto che non sappiamo sulle cause del morbo di Alzheimer, ma ci sono alcuni fattori associati ad un aumentato rischio di contrarre la malattia. Per la maggior parte, tuttavia, un aumento del rischio non significa che una persona avrà necessariamente la malattia,  solo che le probabilità sono più alte.

Ecco cosa dice la scienza sui fattori che influenzano il rischio di Alzheimer e il declino cognitivo.

  1. Età

Ci sono alcuni fattori di rischio che non si possono controllare. Uno di questi è l’età.

Ogni cinque anni dopo i 65 anni, il rischio di una persona di sviluppare l’Alzheimer è doppio , secondo il National Institute of Ageing .

  1. Genetica

Le mutazioni genetiche stanno diventando sempre più importanti per capire come si sviluppa l’Alzheimer, sia nell’insorgenza precoce che tardiva .

Nel caso di Alzheimer ad esordio precoce, in cui i sintomi iniziano a mostrarsi a 30, 40 o 50 anni d’età, la malattia è causata da mutazioni genetiche in uno dei tre geni ereditati da un genitore, secondo il NIA .

Non c’è una mutazione conosciuta che causa la malattia a insorgenza tardiva, ma ci sono alcune mutazioni geniche che aumentano o diminuiscono  il rischio.

  1. Storia familiare

Mentre la genetica può svolgere un ruolo, anche l’ambiente che circonda la famiglia svolge un importante compito, secondo l’ Alzheimer’s Association . L’organizzazione ha notato che il rischio di Alzheimer aumenta se più di un membro della famiglia ha la malattia. Da questo punto di vista le risposte possono arrivare solo da ulteriore ricerca scientifica.

  1. Condizioni cardiache

A differenza della genetica e dell’età, ci sono alcuni fattori di rischio su cui si può avere un controllo attivo.

Ad esempio, la gestione di altre condizioni di salute – diabete e condizioni cardiache come l’ipertensione, malattie cardiache, ictus e colesterolo alto – spiega la NIA,  può aumentare il rischio di una persona di contrarre la malattia di Alzheimer.

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire questi fattori di rischio, e alcuni studi clinici sono già in corso, ma quello che emerge  rafforza l’idea che ciò che è buono per la salute del cuore va bene anche per la salute della testa

  1. Trauma cranico

Secondo l’Alzheimer’s Association, un trauma cranico è potenzialmente associato ad un aumento del rischio di malattia di Alzheimer. Ciò si basa in parte su una  ricerca che ha coinvolto i veterani della seconda guerra mondiale.

Coloro che avevano avuto lesioni cerebrali moderate o gravi durante il loro servizio militare hanno sviluppato un aumentato rischio di malattia di Alzheimer o demenza più tardi nella vita.

Naturalmente, hanno osservato i ricercatori, potrebbero esserci altri fattori non presi in considerazione nello studio che potrebbero aver influenzato tale associazione.

L’Alzheimer’s Association raccomanda di usare caschi, indossare le cinture di sicurezza per ridurre le probabilità di subire una grave lesione cerebrale.

  1. Fumare

Alcune scelte di stile di vita possono contribuire al rischio di Alzheimer. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il fumo è un fattore di rischio per Alzheimer e demenza.  I ricercatori sostengono che il fumo non favorisce una buona circolazione al cuore ed al cervello così come per malattie come  l’ictus e le malattie cardiache.

Dieta, esercizio fisico, attività sociale e altro riducono il rischio di Alzheimer e il declino cognitivo.

Fonte: Business Insider

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *